“Mi sono perso in Appennino”

gasca

Il volume, frutto di un viaggio attraverso la spina dorsale italiana realizzato nell’autunno 2016 grazie al supporto economico del Comitato Scientifico Centrale del CAI, è stato presentato alla libreria La Montagna di Torino (Via Sacchi 28 bis) con la partecipazione dell’autore e di Luca Calzolari, direttore di Montagne360.

“Non ci si capita per caso in Appennino. No, non si finisce per caso in quei piccoli borghi arroccati sui monti che si vedono sfrecciando lungo l’Autostrada del Sole. Sono piccoli paesi, luoghi di seconde case, vecchie abitazioni ereditate da parenti e ormai popolate solo d’estate. Posti dove si torna per dare forme, odori e colori ai racconti dei nonni. Nicelli, Cutigliano, Balze, Magliano De’ Marsi, Grumento Nova, Mammola, Serra Pedace… Si potrebbe continuare all’infinito senza che nessuno riconosca un nome. È questa la bellezza dell’Appennino. Sono montagne che muoiono e risorgono ogni tanto dall’abisso. Tremano e per un attimo stanno sulla bocca di tutti per poi ricadere nel dimenticatoio dove finiscono le specificità italiane. E sono proprio quelle specificità, le note carismatiche di quelle montagne e di quei piccoli borghi, a spingere Gian Luca Gasca a imbarcarsi in un viaggio dal Colle di Cadibona ai Monti Nebrodi lungo oltre 2000 km attraverso la spina dorsale di un’Italia abbandonata dal turismo, alla ricerca di un Appennino che resiste.”

Con prefazione di Stefano Ardito e postfazione di Luca Calzolari.

Gianluca Gasca

Gian Luca Gasca, classe 1991, vive a Torre Pellice (To) ed è giornalista e scrittore di montagna. Nel 2015 sposa la filosofia del “viaggio sostenibile” e inizia a girare per i monti a piedi o con i mezzi pubblici. Così si trova a percorrere interamente le Alpi da Trieste a Nizza. Un’esperienza che poi prosegue nel 2016 con gli Appennini e nel 2017, quando lascia l’Italia per andare da Torino al K2 via terra e con i mezzi pubblici. Collaboratore di Montagna.tv è autore di 54 giorni nel cuore delle Alpi (Fusta, 2016) e Nanga Parbat, la montagna leggendaria (Alpine Studio, 2016).

Il libro è pubblicato con il patrocinio del Club Alpino Italiano.